10 giugno 2022

Creme solari: come scegliere e usarle al meglio

Il caldo sole dell’estate incoraggia il relax e stimola il buon umore, nonché permette di avere un aspetto salutare e affascinante grazie all’abbronzatura.

Ma attenzione, i raggi solari possono anche danneggiare il nostro organismo: accelerano l’invecchiamento della pelle, riducono l’elasticità del collagene, sono responsabili per la produzione di radicali liberi e possono scottare la pelle.

Per questo, non solo quando si è al mare, ma anche quando si passano lunghi periodi al sole vestiti, bisogna utilizzare una crema solare.

Le creme solari impiegano formulazioni capaci di creare una barriera protettiva che assorbe o riflette le lunghezze d’onda dei raggi solari dannose per l’organismo, senza però negare i benefici derivanti dall’esposizione al sole, come l’abbronzatura e la produzione di vitamina D e di serotonina.

Tuttavia, in commercio noterete che esiste un gran numero di creme solari, caratterizzate da un differente valore di protezione solare (o SPF, cioè Solar Protection Factor): cosa significano questi numeri e quale scegliere per le proprie esigenze?

L’SPF è un valore numerico direttamente proporzionale alla capacità protettiva della crema solare: più è alto il numero, maggiore è la protezione, con il livello massimo raggiunto dai prodotti 50+.

Per scegliere l’SPF bisogna prendere in considerazione diversi fattori, il più importante tra tutti è il fototipo.

Il fototipo è un metodo per classificare il tipo di pelle dell’individuo in funzione della sua reazione all’esposizione ai raggi solari e in particolare alla sua capacità di produrre melanina, il pigmento che dà origine all’abbronzatura e che funge da naturale protezione contro i raggi solari.

Una serie di indicatori, tra cui la carnagione naturale e il colore di occhi e capelli, definiscono il fototipo e quindi il grado di protezione della crema solare: in linea di massima, più pelle, capelli e occhi sono chiari, più alto sarà la protezione solare, con gli albini che devono utilizzare per forza l’SPF 50+ e comunque limitare il tempo di esposizione al sole; tuttavia, è importante rimarcare che anche chi ha una carnagione naturalmente scura è bene che metta comunque la crema solare, anche se con un SPF minimo.

Altri fattori che influenzano la scelta dell’SPF sono:

  • Durata e orario di esposizione al sole: si consiglia di limitare il numero totale di ore di esposizione al sole ed evitare il periodo della giornata più caldo (da mezzogiorno a metà pomeriggio), tuttavia se ciò non fosse possibile è bene compensare con un SPF più alto;
  • Altitudine: ad altitudini più elevate, la naturale protezione dell’atmosfera si riduce e quindi i raggi solari sono più dannosi, richiedendo un SPF più alto;
  • Età: bambini e anziani sono più sensibili al sole e quindi hanno bisogno di creme solari più protettive.

Se si ha qualche dubbio, è bene farsi consigliare dal proprio medico o farmacista quale è il grado di protezione solare più adatto alla propria situazione.

Vivi l’estate in sicurezza grazie alle nostre creme solari!


Ultimi articoli

23 giugno 2022

Mal di testa, cause e rimedi per stare bene

Il mal di testa, o cefalea, è, abbastanza intuitivamente, un dolore che colpisce l’interno del capo o la parte superiore del collo. Dietro la semplicità di questa definizione, tuttavia, ci sono...

10 giugno 2022

Creme solari: come scegliere e usarle al meglio

Il caldo sole dell’estate incoraggia il relax e stimola il buon umore, nonché permette di avere un aspetto salutare e affascinante grazie all’abbronzatura.

Ma attenzione, i raggi solari possono anche...

31 maggio 2022

La linea Amido Mio: solo il meglio per la pelle dei vostri bambini

Il 1° giugno è la Giornata Internazionale dei Genitori, una ricorrenza istituita nel 2012 dall’ONU che onora l’impegno dei genitori nell’educazione dei bambini, che rappresentano il futuro della nostra...